“Agendona”

L’ AGENDONA privilegia la semplificazione e consente alle Associazioni e ai Centri trasfusionali di prenotare senza necessità di particolari competenze informatiche, dotazioni tecnologiche o personale aggiuntivo.

Le Associazioni per utilizzare AgenDona avranno bisogno solamente di un computer collegato ad internet senza necessità di installare programmi.
AgenDona garantisce certezza di prestazione, di tempi, nel pieno rispetto della privacy dei donatori.
L’utilizzo del sistema è una opportunità in più e si affiancherà al precedente modello di presentazione diretta.

Cos’è in pratica l’AGENDONA?

AgenDona è un nuovo sistema informatico per la prenotazione delle donazioni. È un’opportunità, ma non un obbligo.

Come funziona?

Il donatore può rivolgersi alla propria Avis di appartenenza o al Centro trasfusionale per prenotare il giorno e l’ora nella quale intende effettuare la propria donazione.

E se non prenoto?

Sarà ancora possibile donare senza prenotazione, come si è fatto fino ad oggi, ma presto sarà chiaro a tutti che “prenotarsi è meglio!”

Ci saranno pari opportunità?

Nessuna poltrona sarà riservata a priori.Tutti i donatori e tutte le Associazioni, grandi e piccole, avranno pari opportunità di prenotazione.

Quali sono i vantaggi?

I donatori possono comodamente prenotare la donazione con una semplice telefonata eliminando code e

tempi di attesa.

Le Associazioni sono facilitate nel loro compito di chiamata svolgendo così apieno il proprio ruolo di interfaccia tra il Sistema trasfusionale e i donatori.

Il sistema di raccolta potrà organizzare al meglio l’accoglienza dei donatori calibrando le risorse e migliorando l’efficienza dell’organizzazione in base all’affluenza prevista. Sarà in grado di prevedere e trovare soluzioni per eventuali periodi di carenza.

Per prendere appuntamento chiamare tutte le mattine dalle 8:30 alle 12:30 al numero 0564/27008.

 Prima della donazione:
  • La mattina della donazione è possibile effettuare una leggera colazione scegliendo tra thè, caffè, spremute, succhi di frutta moderatamente zuccherati e assumere due biscotti secchi o due fette biscottate con poco miele.
  • La sera precedente è consigliato un pasto normale, senza abusi di bevande alcoliche o eccessi alimentari.
  • Bisogna rispondere in modo responsabile alle domande poste dal medico al momento della selezione.
  • Il questionario deve contenere risposte sincere e veritiere, con particolare attenzione alle domande poste per conoscere eventuali fattori di rischioper trasmissione con il sangue di infezioni virali.
  • E’preferibile non donare dopo un turno di lavoro notturno o particolarmente faticoso nè si può farlo se durante le 24 ore successive il donatore è addetto a lavori particolari e non possa usufruire della giornata di riposo
Durante la donazione:
  • Al momento della donazione si devono indossare indumenti idonei e comodi e che non costringano eccessivamente le braccia.
Dopo la donazione:
  •  Assicurarsi che il cotone, tenuto fermo dall’apposito cerotto funga sicuramente da tampone, in caso contrario ritornare in sala donazione per la sostituzione.
  • Subito dopo la donazione si consiglia di rimanere sulla poltrona per alcuni istanti  e di alzarsi lentamente e di assumere liquidi.
  • Evitare di piegare il braccio per almeno 15 – 20 minuti dopo la donazione.
  • Non portare pesi con il braccio che è stato utilizzato per la donazione.
  • Bevete più liquidi del solito, sia durante il pasto che durante la giornata, evitando se possibile alcolici.
  • Nella giornata della donazione, evitate attività fisiche intense, lavori faticosi, attività sportiva e lunghi viaggi in auto.

E’ necessario sopratutto avvisare il personale medico a disposizione di qualcunque anomalia stia intercorrendo durante la donazione (dolori, sensazioni di malessere o di capogiro) in modo che il personale possa intervenire celeremente.